•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  
  • Home
  • /Vari
  • /Tasse salate sulle auto aziendali

Tasse salate sulle auto aziendali

auto-aziendale-manager-corbis--352x288In Italia le imposte sulle auto aziendali sono le più alte d’Europa e la deducibilità è la più bassa. Questo è quanto emerge da un’analisi di LeasePlan, azienda di noleggio a lungo termine e di gestione delle flotte aziendali.

Essendo le auto aziendale le più tassata, come propone LeasePlan sarebbe auspicabile rivedere la fiscalità sull’auto aziendale in Italia, così da raggiungere un’uniformità a livello europeo e quindi agevolare il sistema.

Il fattore che in modo più significativo determina questa sproporzione è rappresentato dal costo del carburante, che risulta essere nettamente più elevato rispetto agli altri paesi dell’unione.

I componenti che determinano il prezzo del carburante sono:le accise, il costo industriale e l’IVA.
Le imposte sul prezzo del carburante sono molto elevate in Italia. Lo studio di Federazione Italiana Gestori Impianti Stradali Carburanti (FIGISC) ha evidenziato due aspetti che hanno contribuito al trend negativo di questo incremento nel periodo 2005 – 2014.

Il primo è dato dal fatto che la media UE ha registrato una riduzione della pressione fiscale di circa 5 punti, mentre l’Italia ha visto un aumento di circa 3 punti.

L’altro aspetto rilevato è che in Italia hanno contribuito all’aumento del prezzo al consumo del carburante per il 49% le imposte e per il 51% il prezzo industriale, mentre nella media UE l’incremento delle imposte ha avuto un peso del 36%.

Altro ambito di analisi è quello relativo alla tassazione ai fini delle imposte dirette e dell’IVA, ossia quando e quanto si può dedurre dal reddito imponibile per IRPEF o IRES o quanto si può detrarre di IVA. Anche in questo caso l’Italia è debole: le ragioni vanno viste nel sistema tributario che risulta essere più rigido e più improntato a criteri di presunzione relativa.

In Italia, quanto e quando si può dedurre o detrarre, dipende dalla risposta a due domande fondamentali: se il veicolo acquisito è o meno inerente all’attività di impresa ed in quale forma giuridica è svolta l’attività da parte del contribuente.
Nella maggior parte dei paesi europei, invece, i fattori determinanti le misure di deducibilità o detraibilità di oneri e di IVA sono l’inerenza all’attività di impresa e il livello di emissioni di CO2 godendo, i veicoli meno inquinanti, di maggiori agevolazioni fiscali.

Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId