•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  

Mercato Auto in crescita

104153470--f206ecba-611c-4105-a47b-7bf4144799aeIl mercato auto manda segnali positivi. Secondo il Centro Studi Promotor in Italia le vetture immatricola sono passate da 140.189 nel marzo 2014 a 161.303 unità di questo anno segnando il 15,1% di incremento.

Le cause del recupero in atto non possono essere attribuite al miglioramento del quadro economico, dal momento che il primo trimestre 2015 i dati statistici finora resi noti accreditano lʼipotesi di una crescita zero del Pil, a causa dei dati negativi sulla produzione industriale e sullʼoccupazione.

Un motivo può essere dato dalla speranza della ripresa che abbia in qualche modo influito sulle decisioni di acquisto di aziende e famiglie. Negli anni della crisi lʼetà media delle vetture è aumentata particolarmente, mentre ora con la prospettiva della ripresa, le famiglie stanno utilizzando le risorse tenute in serbo per lʼeventualità di unʼulteriore aggravamento delle difficoltà economiche per l’acquisto di un’auto nuova.

Lʼavvio di un recupero del mercato dellʼauto in mancanza della ripresa dellʼeconomia che ancora latita è comunque favorito anche dal fatto che il mercato dellʼauto ha avuto nella crisi iniziata nel 2008 un calo quasi doppio rispetto al resto dellʼeconomia reale. Nel 2014 sui livelli ante-crisi il mercato dellʼauto accusava infatti un calo del 45,4% contro una contrazione della produzione industriale del 25,2%, mentre il Pil era in calo del 9,4%.

Rispetto alla rilevazione di febbraio la quota di operatori che indicano affluenza alta o normale di visitatori nelle show room sale dal 65% al 70%, mentre la quota di operatori che segnalano normali o alti livelli di acquisizione di ordini passa dal 45% al 62%.

Aumenta anche il clima di fiducia degli operatori del settore auto: lʼindicatore ha toccato infatti quota 44,70, livello che non veniva raggiunto dal ultimi incentivi alla rottamazione del 2009. I dati di marzo attenuano infine alcune preoccupazioni che erano state espresse da diversi osservatori commentando i risultati positivi del primo bimestre. In particolare si faceva notare che la ripresa era sostenuta soprattutto dalle immatricolazioni per noleggio (e quindi dalle imprese), mentre la crescita delle immatricolazioni a privati era piuttosto contenuta.

In marzo la crescita più forte resta quella del noleggio, ma aumenta anche la velocità del recupero delle vendite a privati ed inoltre occorre considerare che nella composizione delle immatricolazioni ad uso noleggio aumenta la quota delle auto date in noleggio a lungo termine ai privati.

Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId