•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  
  • Home
  • /Vari
  • /Male i pagamenti nel settore auto

Male i pagamenti nel settore auto

robots welding in an automobile factorySecondo gli studi dell’Osservatorio auto si attende un incremento del 5% delle insolvenze nel settore auto italiano. Sebbene l’aumento non sia più vorticoso come quello avuto in questi ultimi due anni, le insolvenze si stanno stabilizzando a livelli comunque elevati.

Queste previsioni sono dovute al comportamento di pagamento dei clienti del settore. Solitamente i pagamenti vengono fatti a 60/90 giorni o a 120/150 giorni, mentre all’estero avvengono più velocemente. Inoltre il settore auto in Italia è particolarmente dipendente dal sistema bancario per le necessità di finanziamento, dal momento che la solvibilità e la liquidità delle aziende è legata in larga parte dai comportamenti di pagamento della clientela.

Nel corso degli ultimi anni i comportamenti di pagamento dei clienti italiani sono stati caratterizzati da un andamento negativo. Negli ultimi sei mesi, tuttavia si è registrata un’inversione di tendenza, con una flessione nel numero delle notifiche di mancato pagamento, mentre gli importi medi restano stabili.

Sono molte le imprese fornitrici italiane operanti nel settore auto che devono confrontarsi con una significativa riduzione dei margini di profitto, dovuta al periodo di crisi e alle conseguenti diminuzioni delle vendite cumulate nel corso degli anni.

Di conseguenza, mentre si registra un miglior andamento delle imprese orientate all’export verso i Paesi al di fuori dell’Unione Europea, con attese di una stabilizzazione della situazione finanziaria, le imprese focalizzate sul mercato domestico si trovano ad affrontare serie difficoltà per quanto riguarda ordini e pagamenti. I concessionari di autoveicoli continuano ad essere il sotto-settore più debole, con scarsa solidità patrimoniale. Questi devono confrontarsi con la diminuzione delle vendite registrata negli ultimi anni e la gestione oculata del proprio patrimonio circolante.

In un contesto di questo genere non bisogna sottovalutare le criticità derivanti dal mancato rispetto delle tempistiche di pagamento delle fatture da parte dei clienti, siano essi sul mercato domestico o all’estero. E’ quindi opportuno adottare coperture assicurative di gestione del portafoglio clienti credito che offrano adeguato sostegno alla pianificazione finanziaria dell’impresa. Inoltre, bisogna tenere sotto controllo il cash flow, anche con un migliore accesso al credito bancario.

Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId