•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  

Le nanomacchine sull’auto elettrica

nanomacchineNuove tecnologie permetteranno di alimentare le auto elettriche attraverso pannelli integrati con la carrozzeria.

Gli ingegneri dell Queenslnd Univerity of Technology hanno sviluppato delle nanomacchine che funzionano come “supercondenstori che insieme alle batterie tradizionali fanno aumentare la potenza delle auto elettriche in modo significativo.

Questi supercondensatori sono ultraleggeri e formano un film sottile grazie a una struttura a sandwich che fa sì che l’elettrolita sia rachiuso tra due elettrodi di carbonio.

La nanotecnologia può essere incorporata nei pannelli della carrozzeria delle auto sul tetto, portiere e cofano e fornisce all’auto un’elevata potenza in poco tempo, questa si traduce in una maggiore accelerazione e un minor tempo di ricarica, rispetto alle diverse ore impiegate da una batteria elettrica standard.

Con una ricarica completa, l’auto elettrica avrà fino a 500 km di autonomia, più del doppio delle auto elettriche di oggi.

Secondo gli studiosi, questa tecnologia potrebbe essere sul mercato già nei prossimi cinque anni, anche perché il costo dei supercondensatori non è elevato e una produzione su larga scala lo abbasserebbe ulteriormente.

Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId