•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  
  • Home
  • /Vari
  • /Italiani vacanzieri low-cost

Italiani vacanzieri low-cost

vacanzeDopo 3 anni di calo, gli europei tornando in vacanza, il 60% andrà in ferie con un aumento di 6 punti sul 2014.

Chi non rinuncia alle ferie sono gli italiani. Infatti sebbene il Bel Paese abbia un budget tra i più bassi d’Europa, i suoi cittadini sono tra i più ottimisti.

Dall’analisi fatta da Ipsos per Europ Assistance il numero di italiani pronti alla partenza è in crescita al di sopra della media (+8% dal 52% del 2014 al 60% del 2015).

Su un campione di 3.510 europei e su 7 paesi europei (Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Spagna, Belgio e Austria) lo studio ha evidenziato un maggior numero di persone che dichiarano di partire nel corso dell’estate. Questo è il segno che sempre più persone rispetto agli ultimi anni oggi possono permettersi le vacanze.

Il budget riservato alle vacanze nell’Eurozona è di circa 2.390 euro, pari a +180 euro rispetto al 2014, con Germania che utilizzerà circa 2.457 euro (+60 euro) e Austria 2.610 euro (+68 euro).
Nei Paesi del Sud europa invece il budget rimane invariato o subisce una leggera riduzione: è il caso della Francia (2.181 euro, -46 euro), della Spagna (1.719 euro) e, in fine classifica, dell’Italia (1.708 euro, -90 euro).

Rispetto alle mete più richieste, per l’estate 2015 il mare rimane sul podio con il 62% delle preferenze anche se la montagna guadagna sempre più estimatori. Mentre aumenta chi ha in programma di viaggiare in Europa con 3 punti in più punti sul 2014. Infine 4 su 10 vogliono trascorrere le vacanze nel proprio Paese. Francia, Italia e Spagna restano le tre mete più apprezzate (16%, 17% e 18% rispettivamente), con la penisola iberica che registra una crescita di 5 punti rispetto all’anno scorso.

La ricerca inoltre evidenzia che gli italiani sono tra i più disponibili per quanto riguarda le nuove pratiche turistiche del car sharing e lo “scambio casa”. Infatti il metodo di condividere l’auto affascina il 20% degli italiani come possibilità per il viaggio (contro una media europea del 15%).

Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId