•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  

Il futuro è digitale

digitalizzazioneI primi di dicembre Accenture ha pubblicato la “Digital Innovation Survey 2014”, report dedicato all’utilizzo della tecnologia digitale nel settore assicurativo. L’indagine ha coinvolto, a livello mondiale, 141 compagnie assicurative, di cui 15 italiane.

Nel documento si fa il punto sul processo di cambiamento che la tecnologia digitale ha attivato all’interno delle imprese assicuratrici e si identificano le priorità del settore.

Ecco, in sintesi, alcuni tra i risultati più significativi:

  • il 75% degli intervistati crede che la tecnologia digitale trasformerà il settore assicurativo nel giro di un quinquennio;
  • l’84% ritiene che la digitalizzazione stia cambiando le aspettative dei clienti e l’83% che le nuove tecnologie modificheranno radicalmente le modalità di relazione con il mercato;
  • tra coloro che trarranno i maggiori benefici in quote di mercato dall’avvento dei processi di digitalizzazione, le compagnie sono indicate dal 62% degli intervistati, i service provider online quali Amazon e Google dal 59%, i comparatori dal 57%; solo il 26% è convinto che broker e agenti indipendenti miglioreranno la propria posizione competitiva grazie alle nuove tecnologie;
  • rispetto alla relazione con i propri canali distributivi tradizionali invece, il 64% degli assicuratori crede che la digitalizzazione porterà vantaggi reciproci, ma il 93% ritiene necessario che gli agenti sviluppino maggiori capacità di acquisizione di nuovi clienti ed il 90% che essi migliorino le proprie abilità di cross e up-selling;
  • il 59% degli intervistati pensa che, nei prossimi tre anni, vi saranno acquisizioni di digital insurance start-ups ai fini di un migliore posizionamento nel mondo del digitale; gli assicuratori danni prevedono di investire in media 47 milioni di dollari nella tecnologia digitale nei prossimi tre anni anche se il 60% ritiene tale investimento come “esplorativo”, il 21% non ha una strategia digitale definita e il 22% l’ha adottata solo a fini distributivi o di interazione con la clientela;
  • il 72% ha instaurato, o è intenzionato ad instaurare, una nuova partnership distributiva con le banche (69%) o con società tecnologiche (4%);
  • grande rilievo viene dato, infine, allo sviluppo di strategie di estensione della catena del valore: il 61% degli assicuratori sta già offrendo, o ha in programma di farlo, prodotti non assicurativi e servizi come quelli correlati alla sicurezza domestica, allo stile di vita, alla manutenzione dell’automobile, ecc., al fine di guadagnare un nuovo posizionamento ed aumentare il livello di “familiarità” nei rapporti con i consumatori.

Il report, in inglese, è pubblicato sul sito di Accenture previo registrazione.

 

Facebook

Twitter

Google Plus

LinkedId