•  
  • L'ambiente operativo di UPGOIN'
  •  

Chi guida va indicato sul libretto

posto-di-blocco (1)Da lunedì 3 novembre sarà obbligatorio registrare sul libretto del veicolo l’identità di chi lo guida per un periodo superiore a 30 giorni senza esserne l’intestatario. Quindi i proprietari dovranno apportate ogni variazione, indicando tutti i cambi di generalità per le persone fisiche o modifica di denominazione per quelle giuridiche.

Queste novità riguardano unicamente le flotte aziendali e le auto noleggio a lungo termine,  mentre il provvedimento non è previsto  per i cittadini privati e chi svolge attività di autotrasporto soggetta a titolo autorizzativo, come ad esempio gli iscritti all’Albo autotrasportatori, chi ha la licenza per conto proprio e per quanti sono in possesso di autorizzazione per servizio taxi, autobus e noleggio con conducente.

Le pene per i trasgressori comprendono multe fino a 705 euro oltre al ritiro della carta di circolazione.

Queste norme erano state previste nell’ultima riforma del Codice della strada approvata nel  dicembre del 2012 per identificare meglio e con maggiore sicurezza i responsabili di eventuali incidenti che vedono la presenza di veicoli aziendali, sia per limitare le truffe.

C’è stato un ritardo nell’attuazione delle nuove direttive e solo lo scorso 10 luglio si è arrivati a un compromesso che ha consentito alla Motorizzazione di emanare una maxi-circolare dalla quale si evince che gli obblighi scatteranno solo per gli atti posti in essere dal 3 novembre e non riguardano, quindi, chi per quella data avrà in uso un veicolo o non avrà provveduto a registrare le eventuali variazioni di denominazione.

Facebook

Twitter

Google Plus


  • 24 Jul 2015

  • 24 Jul 2015

  • 24 Jul 2015

  • 24 Jul 2015

  • 3 Jul 2015+1

  • 3 Jul 2015

  • 3 Jul 2015

  • 3 Jul 2015

  • 1 Jul 2015

  • 25 Jun 2015

LinkedId